IT ES EN FR PT    Login

Programma di formazione per promotori dei diritti dell’infanzia in Guatemala

Guatemala - 7  marzo  2016


Il Centro Cattolico Internazionale di Ginevra (CCIG) e le sue organizzazioni partner FMSI e Edmund Rice International (ERI) hanno organizzato una sessione di formazione per “Promotori dei diritti dell’infanzia in America Latina”, che si è tenuta dal 8 al 12 febbraio a Città del Guatemala, presso il Centro Marista di Formazione.

 

È facile rendersi conto dei problemi che affliggono i bambini e ragazzi in molti paesi, giacché la stampa, internet e le reti sociali ne danno spesso notizia. È necessario che questi problemi, oltre ad essere riconosciuti come tali, trovino una soluzione in ambito nazione ed internazionale. È qui che i promotori dei diritti dell’infanzia devono far conoscere la situazione che vivono i minori i cui diritti sono stati violati.

 

Per questo è stata realizzata l’attività di formazione a Città del Guatemala, con un’introduzione al sistema delle Nazioni Unite di garanzia dei diritti umani, con particolare attenzione ai diritti dell’infanzia. Gli strumenti e i meccanismi di cui si è parlato sono stati l’esame periodico universale (EPU) e il Comitato sui Diritti dell’Infanzia. Entrambe le presentazioni, teoriche e pratiche, hanno permesso ai presenti di imparare come raccogliere e rielaborare le informazioni e preparare rapporti per la revisione periodica universale. Sono state poi illustrate le tecniche per vigilare sull’adempimento, a livello nazionale, degli obblighi internazionali in materia di diritti.

 

Il Centro Cattolico Internazionale di Ginevra, Edmund Rice International e FMSI – grazie al contributo del Cantone di Ginevra e di Adveniat – hanno realizzato questa attività di formazione sugli organismi e meccanismi delle Nazioni Unite con l’obiettivo di rendere i partecipanti più concreti e diretti nel lavoro quotidiano, e in grado di collaborare con le istituzioni internazionali per impedire le violazioni dei diritti dei minori.

È stata sottolineata, inoltre, l’importanza di lavorare in rete con altri soggetti della società civile e sono state prospettate opportunità concrete di nuove alleanze e sinergie.

L’obiettivo finale è quello di garantire a bambini uno sviluppo integrale che permetta loro di partecipare pienamente nella società.

 

Per maggiori informazioni:

http://www.ccig-iccg.org/?p=1557

http://www.ccig-iccg.org/?attachment_id=1528