IT ES EN FR PT    Login

L'Umanità si ferma alle porte di Aleppo, nel silenzio assoluto si consuma l'ultima tragedia siriana

Siria - 23  dicembre  2016


“Ad Aleppo muore l'Umanità. Credevamo fermamente che dopo Sarajevo non avremmo mai più assistito all'eliminazione sistematica della popolazione di una città. - ha dichiarato Gianfranco Cattai, Presidente FOCSIV. È vergognoso l'assoluto silenzio dei leader politici mondiali ed europei nell'esprimere il proprio dissenso e nel non decidere azioni che possano fattivamente fermare questa ultima tragedia che colpisce e annienta il popolo siriano. Sta alla nostra voce, quella della società civile, gridare che sia fermato questo genocidio compiuto per l'ennesima volta in nome di un interesse superiore: l'economia, le scelte finanziarie, il denaro. È la globalizzazione dell'indifferenza, come ha più volte denunciato Papa Francesco, che non ci fa vedere l'altro come un fratello, componente di diritto dell'Umanità. Come FOCSIV, siamo i promotori della campagna del consorzio FOCSIV Medio Oriente che racconta, grazie anche alle pagine di Avvenire, come i volontari di 6 nostre ONG in Libano, Siria, Kurdistan e Turchia siano a fianco delle tante persone disperate in fuga e delle popolazioni che le accolgono. Siamo esseri umani a servizio degli esseri umani.”

 

6 soci insieme a FOCSIVFMSI, Associazione Francesco Realmonte, Celim Milano, ENGIM Internazionale, Fondazione Internazionale Buon Pastore, Associazione Punto Missione - in un consorzio che supporta migliaia di persone in fuga dalla guerra siriana e irachena in terra curda, libanese, giordana e turca; che si pone a fianco alla gente intrappolata in alcune città siriane e irachene assediate; che accoglie i tanti nei campi profughi del Kurdistan iracheno lontani dalle aree controllate dal Califfato e dall'ISIS; che si preoccupa e si occupa dell'educazione e della formazione professionale, dello sviluppo agricolo, del benessere sanitario e psicologico, della disabilità e delle necessità e bisogni di tanti uomini e donne del Medio Oriente travolti da questi tragici anni.

 

La campagna “Humanity. Essere umani con gli esseri umani" per il Medio Oriente si fa portatrice del messaggio di pace per la Siria lanciato da Papa Francesco a luglio 2016 in occasione della campagna di Caritas Internationalis “Syria: Peace is possible” e si unisce agli sforzi già presenti nell'area mediorientale per sostenere i paesi e le persone colpite dal dramma della guerra, in particolare gli sfollati, i rifugiati, le minoranze e le comunità ospitanti dei paesi limitrofi.

La campagna vuole ricordare ad ognuno di noi che bisogna interrogarsi su questa situazione e di fronte a questa umanità, avendo la consapevolezza che la solidarietà potrà terminare solo quando il bisogno non sarà più un'urgenza, quando i campi dei rifugiati e degli sfollati non saranno più una necessità, quando ognuno potrà ritrovare la dignità di essere umano e con questa la Pace.

 

Fonte: Ufficio Stampa FOCSIV – Volontari nel mondo, Roma 19 dicembre 2016.

Per maggiori informazioni: humanity.focsiv.it, su Facebook: Humanity