FMSI | Fondazione Marista per la Solidarietà Internazionale - ONLUS Official website of the Marist International Solidarity Foundation - ONLUS http://www.fmsi-onlus.org Micro-progetti approvati nella sessione di dicembre http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64097 http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64097 23  dicembre  2016<p><span>Durante la sessione di valutazione che si &egrave; tenuta il 16 dicembre scorso sono state approvate dalla Fondazione, nell&rsquo;ambito del programma di micro-progetti, le seguenti richieste di finanziamento:</span></p> <p><span>&nbsp;</span></p> <p><strong><span>Orti scolastici nella scuola &ldquo;Santa Rosa Villa Belen&rdquo;</span></strong><span>, nel dipartimento di La Paz, in<strong> Bolivia</strong>. Le comunit&agrave; di &ldquo;campesinos&rdquo; della zona vivono di agricoltura e di pastorizia, ma si tratta di una zona economicamente depressa, con condizioni di vita dure. Anche l&rsquo;alimentazione &egrave; povera e poco varia. L&rsquo;obiettivo del progetto &egrave; avviare la produzione di ortaggi per la comunit&agrave; locale, a partire dai pi&ugrave; giovani. </span></p> <p><span>Il progetto si svilupper&agrave; sul terreno della scuola &ndash; circa tre ettari &ndash; con la consulenza di un agronomo e la collaborazione dei genitori. I ragazzi impareranno a coltivare l&rsquo;orto; i prodotti serviranno ad integrare e variare la loro dieta e l&rsquo;eccedenza sar&agrave; venduta nei mercati locali generando un piccolo reddito. Il progetto gode dell&rsquo;appoggio delle autorit&agrave; e del parroco locali.</span></p> <p><span>&nbsp;</span></p> <p><strong><span>Scuola di formazione a Las Margaritas, in Messico</span></strong><span> (Chiapas). Dopo la scuola secondaria, la Missione marista di Guadalupe, in collaborazione con NEAPI (Nueva Educaci&oacute;n Aut&oacute;noma de los Pueblos Ind&iacute;genas), offre ai giovani dei villaggi attorno a Las Margaritas l&rsquo;opportunit&agrave; di una formazione ulteriore in agronomia. Questa formazione intende fornire ai giovani il mezzo per guadagnarsi da vivere, in coerenza con la cultura indigena e nel rispetto dell&rsquo;ambiente. </span></p> <p><span>Fino ad oggi, questo tipo di formazione &egrave; stato offerto a due gruppi di giovani; con il contributo di FMSI un altro gruppo di 15 ragazzi potr&agrave; accedere ai corsi nel 2017. </span></p> <p><span>&nbsp;</span></p> <p><span>Costruzione di nuovi locali nella<strong> Scuola marista &ldquo;Immacolata Concezione&rdquo;</strong> di Antsirabe, in <strong>Madagascar</strong>. Si tratta di sviluppare un altro piano sul tetto dell&rsquo;asilo per ospitare la cucina, la sala da pranzo e l&rsquo;ufficio dei Fratelli Maristi che gestiscono la scuola e che l&igrave; abitano in comunit&agrave;. Attualmente, in mancanza di uno spazio adeguato, i religiosi stanno utilizzando delle aule.</span></p> <p><span>Quando il progetto sar&agrave; completo, le aule torneranno alla loro destinazione originaria, e la scuola Immacolata Concezione potr&agrave; accogliere 80 bambini in pi&ugrave;.</span></p> L'Umanità si ferma alle porte di Aleppo, nel silenzio assoluto si consuma l'ultima tragedia siriana http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64098 http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64098 23  dicembre  2016<p><em>&ldquo;Ad Aleppo muore l'Umanit&agrave;. Credevamo fermamente che dopo Sarajevo non avremmo mai pi&ugrave; assistito all'eliminazione sistematica della popolazione di una citt&agrave;. </em>- ha dichiarato <strong>Gianfranco Cattai</strong>, Presidente <a href="http://www.focsiv.it/">FOCSIV</a>. <em>&Egrave; vergognoso l'assoluto silenzio dei leader politici mondiali ed europei nell'esprimere il proprio dissenso e nel non decidere azioni che possano fattivamente fermare questa ultima tragedia che colpisce e annienta il popolo siriano. Sta alla nostra voce, quella della societ&agrave; civile, gridare che sia fermato questo genocidio compiuto per l'ennesima volta in nome di un interesse superiore: l'economia, le scelte finanziarie, il denaro. &Egrave; la globalizzazione dell'indifferenza, come ha pi&ugrave; volte denunciato Papa Francesco, che non ci fa vedere l'altro come un fratello, componente di diritto dell'Umanit&agrave;. Come </em><a href="http://www.focsiv.it/"><em>FOCSIV</em></a><em>, siamo i promotori della </em><a href="http://www.focsiv.it/humanity-essere-umani-con-gli-esseri-umani/"><em>campagna del consorzio FOCSIV Medio Oriente</em></a><em> che racconta, grazie anche alle pagine di </em><a href="https://www.avvenire.it/"><em>Avvenire</em></a><em>, come i volontari di 6 nostre ONG in Libano, Siria, Kurdistan e Turchia siano a fianco delle tante persone disperate in fuga e delle popolazioni che le accolgono. Siamo esseri umani a servizio degli esseri umani.&rdquo;</em></p> <p>&nbsp;</p> <p class="Contenutotabella">6 soci insieme a <a href="http://www.focsiv.it/">FOCSIV</a> -&nbsp; <strong>FMSI</strong>, Associazione Francesco Realmonte, Celim Milano, ENGIM Internazionale, Fondazione Internazionale Buon Pastore, Associazione Punto Missione - <strong>in un consorzio che supporta migliaia di persone in fuga dalla guerra siriana e irachena in terra curda, libanese, giordana e turca;</strong> che si pone a fianco alla gente intrappolata in alcune citt&agrave; siriane e irachene assediate; che accoglie i tanti nei campi profughi del Kurdistan iracheno lontani dalle aree controllate dal Califfato e dall'ISIS; che si preoccupa e si occupa dell'educazione e della formazione professionale, dello sviluppo agricolo, del benessere sanitario e psicologico, della disabilit&agrave; e delle necessit&agrave; e bisogni di tanti uomini e donne del Medio Oriente travolti da questi tragici anni.</p> <p>&nbsp;</p> <p><a href="http://www.focsiv.it/humanity-essere-umani-con-gli-esseri-umani/">La campagna &ldquo;Humanity. Essere umani con gli esseri umani"</a> per il Medio Oriente si fa portatrice del messaggio di pace per la Siria lanciato da Papa Francesco a luglio 2016 in occasione della campagna di Caritas Internationalis &ldquo;<em>Syria: Peace is possible</em>&rdquo; e si unisce agli sforzi gi&agrave; presenti nell'area mediorientale per sostenere i paesi e le persone colpite dal dramma della guerra, in particolare gli sfollati, i rifugiati, le minoranze e le comunit&agrave; ospitanti dei paesi limitrofi.</p> <p>La campagna vuole ricordare ad ognuno di noi che bisogna interrogarsi su questa situazione e di fronte a questa umanit&agrave;, avendo la consapevolezza che la solidariet&agrave; potr&agrave; terminare solo quando il bisogno non sar&agrave; pi&ugrave; un'urgenza, quando i campi dei rifugiati e degli sfollati non saranno pi&ugrave; una necessit&agrave;, quando ognuno potr&agrave; ritrovare la dignit&agrave; di essere umano e con questa la Pace.</p> <p><strong>&nbsp;</strong></p> <p>Fonte: Ufficio Stampa FOCSIV &ndash; Volontari nel mondo, Roma 19 dicembre 2016.</p> <p>Per maggiori informazioni: <a href="http://www.focsiv.it/humanity-essere-umani-con-gli-esseri-umani/">humanity.focsiv.it</a>, su Facebook: <a href="https://www.facebook.com/HuMAnity.FOCSIV/">Humanity</a></p> 10 dicembre, Giornata internazionale dei diritti umani http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64096 http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64096 9  dicembre  2016<p>Il 10 dicembre si celebra in tutto il mondo la Giornata internazionale dei diritti umani. In questa data si commemora l&rsquo;anniversario dell&rsquo;adozione della <strong>Dichiarazione universale dei diritti umani</strong> da parte dell&rsquo;Assemblea generale delle Nazioni Unite, avvenuta a Parigi il <strong>10 dicembre 1948</strong>.</p> <p>Due anni pi&ugrave; tardi l&rsquo;Assemblea generale approv&ograve; una risoluzione con cui si invitavano gli stati e le organizzazioni interessate a celebrare annualmente questa ricorrenza e ad impegnarsi in modo crescente nel campo dei diritti umani.</p> <p>&nbsp;</p> <p>La celebrazione di questa data indica che, almeno un giorno all&rsquo;anno, i cittadini di tutto il mondo sono chiamati a <strong>difendere i diritti umani</strong> perch&eacute; tutti nasciamo e siamo uguali, e non devono esistere differenze fra gli abitanti di un paese e l&rsquo;altro. Non ci devono essere differenze neanche per il fatto di avere un&rsquo;opinione o una religione diversa, per appartenere ad un&rsquo;etnia minoritaria, parlare un&rsquo;altra lingua o per l&rsquo;avere pi&ugrave; o meno beni materiali.</p> <p>&nbsp;</p> <p>Tutti gli esseri umani sono titolari degli stessi diritti enunciati nella <a href="http://www.ohchr.org/EN/UDHR/Pages/UDHRIndex.aspx">Dichiarazione universale dei diritti umani</a>. Non c&rsquo;&egrave; ragione di fare differenze poich&eacute; il fatto di appartenere tutti alla stessa comunit&agrave; umana, l&rsquo;umanit&agrave;, ci garantisce il godimento dei diritti sanciti nella Dichiarazione. Appartenere alla stessa comunit&agrave; universale ci unisce, non ci divide: perci&ograve; ci dobbiamo rispetto e trattamento ugualitario.</p> <p>&nbsp;</p> <p><em>&ldquo;Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignit&agrave; e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.&rdquo;</em> (articolo 1 della <a href="http://www.ohchr.org/EN/UDHR/Pages/UDHRIndex.aspx">Dichiarazione universale dei diritti umani</a>).</p> <p>&nbsp;</p> <p>Celebrare la Giornata internazionale dei diritti umani significa che tutti siamo chiamati a difendere i nostri diritti, che sono &ndash; come si &egrave; detto &ndash; inerenti alla persona. Significa anche che dobbiamo rispettarci perch&eacute; <strong>il rispetto &egrave; il presupposto per il godimento dei diritti</strong>. Significa inoltre che dobbiamo ricordare le persone i cui diritti vengono violati e che si sentono discriminate dinanzi ai loro pari. Significa che dobbiamo <strong>difendere tutte le persone</strong> che non hanno le capacit&agrave; per rivendicare i loro diritti. Dobbiamo fare il necessario per impedire che ci siano persone nel mondo che devono vivere con un dollaro e mezzo al giorno; per fornire acqua potabile a tutti coloro che ne hanno bisogno; per perseguire la pace e la convivenza tra i popoli&hellip;</p> <p>&nbsp;</p> <p>Ogni persona &egrave; titolare dei diritti e delle libert&agrave; proclamati nella Dichiarazione, senza distinzione di razza, colore, sesso, lingua, religione, opinione politica o di altro tipo, origine nazionale o sociale, situazione economica, nascita o in virt&ugrave; di qualsiasi altra condizione.</p> <p>&nbsp;</p> <p>Noi Maristi ci impegniamo a promuovere e difendere, in particolare, i diritti enunciati nella <a href="http://www.ohchr.org/EN/HRBodies/CRC/Pages/CRCIndex.aspx"><strong>Convenzione sui diritti dell&rsquo;infanzia</strong></a>, perch&eacute; tutti i bambini possano godere di un mondo migliore. Perseguiamo l&rsquo;uguaglianza tra tutti i bambini del mondo e li difendiamo da ogni tipo di violazione. Insegniamo loro quali siano i loro diritti affinch&eacute; li possano esercitare in libert&agrave;. Lavoriamo per eliminare ogni forma di discriminazione tra i bambini e cerchiamo di lasciare loro in eredit&agrave; un mondo un poco migliore di quello che hanno trovato.</p> <p>&nbsp;</p> <p><em>&ldquo;In occasione della Giornata mondiale dei diritti umani, torniamo ad impegnarci per garantire le libert&agrave; fondamentali e tutelare i diritti umani di tutti.&rdquo;</em> (<a href="https://www.un.org/sg/en">Ban Ki-moon, Segretario generale delle Nazioni Unite)</a></p> Micro-progetti: prossima sessione di valutazione http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64095 http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64095 28  novembre  2016<p>Si terr&agrave; mercoled&igrave; <strong>14 dicembre</strong>&nbsp;<strong>la prossima sessione</strong>&nbsp;per la valutazione delle richieste di finanziamento dei micro-progetti. Ogni richiesta pervenuta a partire dalla data di oggi (28 novembre) sar&agrave; presa in considerazione nel 2017.</p> <p>&nbsp;</p> <p>Come sempre, il programma dei micro-progetti si pone nel cammino del mondo marista di operare in favore di&nbsp;<strong>bambini e giovani svantaggiati&nbsp;</strong>ed ha lo scopo di promuovere&nbsp;<strong>i diritti dell&rsquo;infanzia</strong>&nbsp;e di creare le condizioni materiali per il loro reale godimento.</p> <p>&nbsp;</p> <p>Ricordiamo brevemente che:</p> <p>- Il programma &egrave; aperto a tutti i soggetti che condividono gli obiettivi della Fondazione e sono collegati al mondo marista in virt&ugrave; di un rapporto di collaborazione e fiducia;</p> <p>- Il contributo &egrave; limitato a&nbsp;<strong>5.000 Euro a progetto</strong>;</p> <p>- I settori di intervento devono riguardare principalmente<strong>&nbsp;i diritti umani, l&rsquo;istruzione e lo sviluppo sociale</strong>, prevalentemente nei paesi in cui sono presenti i Maristi;</p> <p>- Il progetto deve essere presentato usando <strong>l&rsquo;apposito formulario</strong> e alla richiesta deve essere allegata <strong>una lettera di presentazione</strong> del progetto scritta dalla massima autorit&agrave; marista locale (Provinciale o Superiore di distretto).</p> <p>&nbsp;</p> <p>L&rsquo;esito delle richieste di finanziamento sar&agrave; pubblicato su questo <strong>sito entro il 23 dicembre 2016.</strong></p> <p>&nbsp;</p> <p>Per maggiori informazioni contattare:&nbsp;<a href="mailto:fmsi@fmsi-onlus.org">fmsi@fmsi-onlus.org</a></p> Con i Fratelli maristi del Madagascar per la tutela dell’infanzia http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64094 http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64094 19  novembre  2016<p>Sta gi&agrave; producendo i primi frutti la <strong>giornata di formazione</strong> sulla politica dell&rsquo;Istituto Marista di tutela dell&rsquo;infanzia che si &egrave; tenuta ad <strong>Antsirabe</strong> (Madagascar) il 3 settembre scorso, a beneficio dei religiosi e insegnanti delle scuole mariste in Madagascar. Secondo Fr. <strong>Michel Haritiana Raveloarijaona</strong>, responsabile dell&rsquo;attivit&agrave;, &ldquo;questo laboratorio ha portato un cambiamento nelle nostre scuole; adesso in ognuna si sta cercando di fare qualcosa per commemorare la Giornata universale dei Diritti dell&rsquo;Infanzia che ricorre il 20 di novembre&rdquo;.</p> <p>&nbsp;</p> <p>L&rsquo;attivit&agrave; &egrave; stata organizzata con <strong>il contributo di FMSI</strong>, nell&rsquo;ambito di un pi&ugrave; ampio programma di formazione sulla tutela dell&rsquo;infanzia, che si &egrave; svolto dal 29 agosto al 3 settembre scorsi presso il Centro Mahatamana, ad Antsirabe, grazie al finanziamento dei Fratelli delle Scuole Cristiane.</p> <p>I partecipanti si sono detti molto soddisfatti. I relatori sono stati due giuristi (<strong>diritti dell&rsquo;infanzia</strong> e quadro normativo di riferimento) e due operatori sociali (maltrattamento di minori e <strong>prevenzione</strong> del fenomeno); nella giornata finale, dedicata alla politica di protezione dell&rsquo;infanzia dell&rsquo;Istituto Marista, sono intervenuti il Provinciale del Madagascar, <strong>Fr. Sylvain Ramandimbiarisoa</strong>, e il responsabile provinciale della politica di protezione dell&rsquo;infanzia, Fr. Michel, per inquadrare la tematica nel contesto delle scuole mariste. &nbsp;</p> <p>Obiettivo della formazione: fornire a coloro che lavorano nella scuola, religiosi e laici, gli strumenti teorici e pratici per creare <strong>un ambiente sano e sicuro per i bambini</strong>.</p>