FMSI | Fondazione Marista per la Solidarietà Internazionale - ONLUS Official website of the Marist International Solidarity Foundation - ONLUS http://www.fmsi-onlus.org 6 de febrero: Día de tolerancia cero con la Mutilación Genital Femenina http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64100 http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64100 6  febbraio  2017<p>El seis de febrero es se&ntilde;alado por las Naciones Unidas como el &ldquo;d&iacute;a de tolerancia cero con la Mutilaci&oacute;n Genital Femenina&rdquo; (MGF). <strong>FMSI se suma a la eliminaci&oacute;n de la MGF.</strong></p> <p>El Fondo de Naciones Unidas para la Infancia <a href="https://www.unicef.org/">(UNICEF</a>), el Fondo de las Naciones Unidas para las poblaciones (<a href="http://www.unfpa.org/">UNFPA</a>), La Organizaci&oacute;n Mundial de la Salud (<a href="http://www.who.int/en/">OMS</a>), la Asamblea General de las Naciones Unidas y el Parlamente de la Uni&oacute;n Africana han publicado declaraciones y resoluciones en contra de esta pr&aacute;ctica.</p> <p>&nbsp;</p> <p>FMSI y la Instituci&oacute;n Marista promueven <strong>la educaci&oacute;n en derechos</strong> que constituye una de las mejores bazas para influir positivamente sobre las generaciones <strong>para ir eliminando progresivamente pr&aacute;cticas sociales</strong> que violan los derechos humanos. Eduquemos favoreciendo la igualdad de derechos, el respeto y la participaci&oacute;n de ambos sexos en las peque&ntilde;as sociedades colegiales cuna de aprendizaje para una participaci&oacute;n total en la sociedad adulta. Recordamos que la discriminaci&oacute;n es una de las causas que origina personas desequilibradas socialmente.</p> <p>&nbsp;</p> <p>Se calcula que unos <strong>200 millones de mujeres y ni&ntilde;as</strong> vivas actualmente han sido objeto de la MGF. Se cree que cada a&ntilde;o unos 3 millones de ni&ntilde;as corren el riesgo de sufrir la mutilaci&oacute;n. Esta se puede realizar desde hasta incluso el primer parto. Esta pr&aacute;ctica se conoce tambi&eacute;n como <strong>ablaci&oacute;n genital femenina</strong>, pero el t&eacute;rmino <strong>mutilaci&oacute;n</strong> explica mejor el concepto desde un enfoque de derechos.</p> <p>La pr&aacute;ctica de la MGF viene de muy antiguo. Se han encontrado testimonios de su pr&aacute;ctica en el siglo V a. de C, en &Aacute;frica Tropical, Filipinas, tribus amaz&oacute;nicas, australianas; incluso una de sus formas se practicaba en Europa y Estados Unidos hasta mediados del siglo 20 para tratar algunas dolencias. Hoy d&iacute;a la MGF no ha desaparecido y <strong>se sigue practicando en unos 30 pa&iacute;ses en &Aacute;frica, Oriente Medio y Asia</strong>.</p> <p>&nbsp;</p> <p>Est&aacute; claro que esta pr&aacute;ctica no aporta ning&uacute;n tipo de beneficio, sino que, adem&aacute;s de ocasionar <strong>da&ntilde;os f&iacute;sicos origina desequilibrios psicol&oacute;gicos mucho m&aacute;s duraderos</strong>, constituye una violaci&oacute;n flagrante de los derechos de la mujer. La pr&aacute;ctica se realiza en sociedades o comunidades donde existe una gran desigualdad entre g&eacute;neros, nos encontramos ante una discriminaci&oacute;n extrema de la mujer. Aquellos que la practican violan los derechos de salud, seguridad e integridad f&iacute;sica, tambi&eacute;n el derecho a no ser sometido a torturas, tratos crueles, inhumanos o degradantes y el derecho a la vida si la v&iacute;ctima fallece a causa de la pr&aacute;ctica. Al ser practicada a ni&ntilde;as viola derechos contemplados en la Convenci&oacute;n sobre los Derechos del Ni&ntilde;o.</p> <p>&nbsp;</p> <p>Si una ni&ntilde;a o joven se aparta de esta pr&aacute;ctica puede ser condenada comunitariamente adem&aacute;s de sufrir acoso y ostracismo en las sociedades o comunidades donde se realiza. Estas comunidades justifican la pr&aacute;ctica porque creen que los beneficios sociales son m&aacute;s altos que sus desventajas. La pr&aacute;ctica se ve como una iniciaci&oacute;n sexual que marca la transici&oacute;n de ni&ntilde;a a mujer, por lo tanto, supone una herencia cultural necesaria para la crianza de la ni&ntilde;a y prepararla para la vida adulta y matrimonial. Se considera una conducta sexual aceptable: tiene como objeto asegurar la virginidad hasta el matrimonio y fidelidad despu&eacute;s de &eacute;l. Se cree que su pr&aacute;ctica favorece a encontrar marido.</p> <p>Los que practican este tipo de operaci&oacute;n suelen creer que tiene un fundamento religioso, sin embargo, <strong>la MGF no tiene ning&uacute;n fundamento ni respaldo religioso</strong> pues no hay escritos que apoyen la pr&aacute;ctica. La postura de los l&iacute;deres religiosos es diferente: hay quienes la apoyan, otros dicen que es irrelevante desde el punto de vista religioso y otros se postulan totalmente en contra.</p> Per un’America Latina libera dal castigo fisico. FMSI si unisce alla petizione del MMI-LAC http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64099 http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64099 24  gennaio  2017<p>Dal 2014 FMSI &egrave; membro del <strong>Movimento Mondiale per l&rsquo;Infanzia di America Latina e Caraibi </strong>(MMI-LAC), il quale fin dal suo inizio si &egrave; dato come priorit&agrave; il combattere la violenza contro l&rsquo;infanzia.</p> <p>Per questo FMSI &ndash; insieme a tutte le organizzazioni del MMI-LAC &ndash; ha sottoscritto il <strong>manifesto</strong> <a href="bajarchivo.php?r=doc&amp;a=da9f6position-paper-cfh.pdf.pdf">&ldquo;Proibire ogni forma di castigo fisico e umiliante&rdquo;</a>.</p> <p>&nbsp;</p> <p>Il castigo fisico e umiliante &egrave; una <strong>forma di violenza contro i minori</strong>, e come tale costituisce una violazione del loro diritto all&rsquo;integrit&agrave; fisica e psicologica e alla loro dignit&agrave; di esseri umani.</p> <p>Oggi pi&ugrave; che mai l&rsquo;<strong>America Latina e i Caraibi possono essere un esempio</strong> per il mondo nell&rsquo;attuazione dei diritti dell&rsquo;infanzia. Il <a href="http://www.gmfc.org/es/accion-dentro-del-movimiento/america-latina-y-el-caribe">MMI-LAC</a> ritiene che la regione sia in condizioni di dichiararsi &ndash; prima al mondo &ndash; libera dal castigo fisico e umiliante.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <p><strong>Rivolgiamo un appello</strong> a tutti i paesi della regione perch&eacute; adottino una legislazione che proibisca il castigo fisico e umiliante nei confronti dei bambini in tutti gli ambiti, e chiediamo agli <em>opinion leader</em> e alle organizzazioni della societ&agrave; civile di unirsi a costituire una vasta corrente di opinione per l&rsquo;eliminazione di ogni forma di violenza contro l&rsquo;infanzia.</p> <p>&nbsp;</p> <p><a href="bajarchivo.php?r=doc&amp;a=da9f6position-paper-cfh.pdf.pdf">Scarica il documento</a> <strong>&ldquo;Prohibir todas las formas de castigo f&iacute;sico y humillante&rdquo;</strong>&nbsp; (versione spagnola)</p> Micro-progetti approvati nella sessione di dicembre http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64097 http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64097 23  dicembre  2016<p><span>Durante la sessione di valutazione che si &egrave; tenuta il 16 dicembre scorso sono state approvate dalla Fondazione, nell&rsquo;ambito del programma di micro-progetti, le seguenti richieste di finanziamento:</span></p> <p><span>&nbsp;</span></p> <p><strong><span>Orti scolastici nella scuola &ldquo;Santa Rosa Villa Belen&rdquo;</span></strong><span>, nel dipartimento di La Paz, in<strong> Bolivia</strong>. Le comunit&agrave; di &ldquo;campesinos&rdquo; della zona vivono di agricoltura e di pastorizia, ma si tratta di una zona economicamente depressa, con condizioni di vita dure. Anche l&rsquo;alimentazione &egrave; povera e poco varia. L&rsquo;obiettivo del progetto &egrave; avviare la produzione di ortaggi per la comunit&agrave; locale, a partire dai pi&ugrave; giovani. </span></p> <p><span>Il progetto si svilupper&agrave; sul terreno della scuola &ndash; circa tre ettari &ndash; con la consulenza di un agronomo e la collaborazione dei genitori. I ragazzi impareranno a coltivare l&rsquo;orto; i prodotti serviranno ad integrare e variare la loro dieta e l&rsquo;eccedenza sar&agrave; venduta nei mercati locali generando un piccolo reddito. Il progetto gode dell&rsquo;appoggio delle autorit&agrave; e del parroco locali.</span></p> <p><span>&nbsp;</span></p> <p><strong><span>Scuola di formazione a Las Margaritas, in Messico</span></strong><span> (Chiapas). Dopo la scuola secondaria, la Missione marista di Guadalupe, in collaborazione con NEAPI (Nueva Educaci&oacute;n Aut&oacute;noma de los Pueblos Ind&iacute;genas), offre ai giovani dei villaggi attorno a Las Margaritas l&rsquo;opportunit&agrave; di una formazione ulteriore in agronomia. Questa formazione intende fornire ai giovani il mezzo per guadagnarsi da vivere, in coerenza con la cultura indigena e nel rispetto dell&rsquo;ambiente. </span></p> <p><span>Fino ad oggi, questo tipo di formazione &egrave; stato offerto a due gruppi di giovani; con il contributo di FMSI un altro gruppo di 15 ragazzi potr&agrave; accedere ai corsi nel 2017. </span></p> <p><span>&nbsp;</span></p> <p><span>Costruzione di nuovi locali nella<strong> Scuola marista &ldquo;Immacolata Concezione&rdquo;</strong> di Antsirabe, in <strong>Madagascar</strong>. Si tratta di sviluppare un altro piano sul tetto dell&rsquo;asilo per ospitare la cucina, la sala da pranzo e l&rsquo;ufficio dei Fratelli Maristi che gestiscono la scuola e che l&igrave; abitano in comunit&agrave;. Attualmente, in mancanza di uno spazio adeguato, i religiosi stanno utilizzando delle aule.</span></p> <p><span>Quando il progetto sar&agrave; completo, le aule torneranno alla loro destinazione originaria, e la scuola Immacolata Concezione potr&agrave; accogliere 80 bambini in pi&ugrave;.</span></p> L'Umanità si ferma alle porte di Aleppo, nel silenzio assoluto si consuma l'ultima tragedia siriana http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64098 http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64098 23  dicembre  2016<p><em>&ldquo;Ad Aleppo muore l'Umanit&agrave;. Credevamo fermamente che dopo Sarajevo non avremmo mai pi&ugrave; assistito all'eliminazione sistematica della popolazione di una citt&agrave;. </em>- ha dichiarato <strong>Gianfranco Cattai</strong>, Presidente <a href="http://www.focsiv.it/">FOCSIV</a>. <em>&Egrave; vergognoso l'assoluto silenzio dei leader politici mondiali ed europei nell'esprimere il proprio dissenso e nel non decidere azioni che possano fattivamente fermare questa ultima tragedia che colpisce e annienta il popolo siriano. Sta alla nostra voce, quella della societ&agrave; civile, gridare che sia fermato questo genocidio compiuto per l'ennesima volta in nome di un interesse superiore: l'economia, le scelte finanziarie, il denaro. &Egrave; la globalizzazione dell'indifferenza, come ha pi&ugrave; volte denunciato Papa Francesco, che non ci fa vedere l'altro come un fratello, componente di diritto dell'Umanit&agrave;. Come </em><a href="http://www.focsiv.it/"><em>FOCSIV</em></a><em>, siamo i promotori della </em><a href="http://www.focsiv.it/humanity-essere-umani-con-gli-esseri-umani/"><em>campagna del consorzio FOCSIV Medio Oriente</em></a><em> che racconta, grazie anche alle pagine di </em><a href="https://www.avvenire.it/"><em>Avvenire</em></a><em>, come i volontari di 6 nostre ONG in Libano, Siria, Kurdistan e Turchia siano a fianco delle tante persone disperate in fuga e delle popolazioni che le accolgono. Siamo esseri umani a servizio degli esseri umani.&rdquo;</em></p> <p>&nbsp;</p> <p class="Contenutotabella">6 soci insieme a <a href="http://www.focsiv.it/">FOCSIV</a> -&nbsp; <strong>FMSI</strong>, Associazione Francesco Realmonte, Celim Milano, ENGIM Internazionale, Fondazione Internazionale Buon Pastore, Associazione Punto Missione - <strong>in un consorzio che supporta migliaia di persone in fuga dalla guerra siriana e irachena in terra curda, libanese, giordana e turca;</strong> che si pone a fianco alla gente intrappolata in alcune citt&agrave; siriane e irachene assediate; che accoglie i tanti nei campi profughi del Kurdistan iracheno lontani dalle aree controllate dal Califfato e dall'ISIS; che si preoccupa e si occupa dell'educazione e della formazione professionale, dello sviluppo agricolo, del benessere sanitario e psicologico, della disabilit&agrave; e delle necessit&agrave; e bisogni di tanti uomini e donne del Medio Oriente travolti da questi tragici anni.</p> <p>&nbsp;</p> <p><a href="http://www.focsiv.it/humanity-essere-umani-con-gli-esseri-umani/">La campagna &ldquo;Humanity. Essere umani con gli esseri umani"</a> per il Medio Oriente si fa portatrice del messaggio di pace per la Siria lanciato da Papa Francesco a luglio 2016 in occasione della campagna di Caritas Internationalis &ldquo;<em>Syria: Peace is possible</em>&rdquo; e si unisce agli sforzi gi&agrave; presenti nell'area mediorientale per sostenere i paesi e le persone colpite dal dramma della guerra, in particolare gli sfollati, i rifugiati, le minoranze e le comunit&agrave; ospitanti dei paesi limitrofi.</p> <p>La campagna vuole ricordare ad ognuno di noi che bisogna interrogarsi su questa situazione e di fronte a questa umanit&agrave;, avendo la consapevolezza che la solidariet&agrave; potr&agrave; terminare solo quando il bisogno non sar&agrave; pi&ugrave; un'urgenza, quando i campi dei rifugiati e degli sfollati non saranno pi&ugrave; una necessit&agrave;, quando ognuno potr&agrave; ritrovare la dignit&agrave; di essere umano e con questa la Pace.</p> <p><strong>&nbsp;</strong></p> <p>Fonte: Ufficio Stampa FOCSIV &ndash; Volontari nel mondo, Roma 19 dicembre 2016.</p> <p>Per maggiori informazioni: <a href="http://www.focsiv.it/humanity-essere-umani-con-gli-esseri-umani/">humanity.focsiv.it</a>, su Facebook: <a href="https://www.facebook.com/HuMAnity.FOCSIV/">Humanity</a></p> 10 dicembre, Giornata internazionale dei diritti umani http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64096 http://www.fmsi-onlus.org/noticias.php?n=64096 9  dicembre  2016<p>Il 10 dicembre si celebra in tutto il mondo la Giornata internazionale dei diritti umani. In questa data si commemora l&rsquo;anniversario dell&rsquo;adozione della <strong>Dichiarazione universale dei diritti umani</strong> da parte dell&rsquo;Assemblea generale delle Nazioni Unite, avvenuta a Parigi il <strong>10 dicembre 1948</strong>.</p> <p>Due anni pi&ugrave; tardi l&rsquo;Assemblea generale approv&ograve; una risoluzione con cui si invitavano gli stati e le organizzazioni interessate a celebrare annualmente questa ricorrenza e ad impegnarsi in modo crescente nel campo dei diritti umani.</p> <p>&nbsp;</p> <p>La celebrazione di questa data indica che, almeno un giorno all&rsquo;anno, i cittadini di tutto il mondo sono chiamati a <strong>difendere i diritti umani</strong> perch&eacute; tutti nasciamo e siamo uguali, e non devono esistere differenze fra gli abitanti di un paese e l&rsquo;altro. Non ci devono essere differenze neanche per il fatto di avere un&rsquo;opinione o una religione diversa, per appartenere ad un&rsquo;etnia minoritaria, parlare un&rsquo;altra lingua o per l&rsquo;avere pi&ugrave; o meno beni materiali.</p> <p>&nbsp;</p> <p>Tutti gli esseri umani sono titolari degli stessi diritti enunciati nella <a href="http://www.ohchr.org/EN/UDHR/Pages/UDHRIndex.aspx">Dichiarazione universale dei diritti umani</a>. Non c&rsquo;&egrave; ragione di fare differenze poich&eacute; il fatto di appartenere tutti alla stessa comunit&agrave; umana, l&rsquo;umanit&agrave;, ci garantisce il godimento dei diritti sanciti nella Dichiarazione. Appartenere alla stessa comunit&agrave; universale ci unisce, non ci divide: perci&ograve; ci dobbiamo rispetto e trattamento ugualitario.</p> <p>&nbsp;</p> <p><em>&ldquo;Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignit&agrave; e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.&rdquo;</em> (articolo 1 della <a href="http://www.ohchr.org/EN/UDHR/Pages/UDHRIndex.aspx">Dichiarazione universale dei diritti umani</a>).</p> <p>&nbsp;</p> <p>Celebrare la Giornata internazionale dei diritti umani significa che tutti siamo chiamati a difendere i nostri diritti, che sono &ndash; come si &egrave; detto &ndash; inerenti alla persona. Significa anche che dobbiamo rispettarci perch&eacute; <strong>il rispetto &egrave; il presupposto per il godimento dei diritti</strong>. Significa inoltre che dobbiamo ricordare le persone i cui diritti vengono violati e che si sentono discriminate dinanzi ai loro pari. Significa che dobbiamo <strong>difendere tutte le persone</strong> che non hanno le capacit&agrave; per rivendicare i loro diritti. Dobbiamo fare il necessario per impedire che ci siano persone nel mondo che devono vivere con un dollaro e mezzo al giorno; per fornire acqua potabile a tutti coloro che ne hanno bisogno; per perseguire la pace e la convivenza tra i popoli&hellip;</p> <p>&nbsp;</p> <p>Ogni persona &egrave; titolare dei diritti e delle libert&agrave; proclamati nella Dichiarazione, senza distinzione di razza, colore, sesso, lingua, religione, opinione politica o di altro tipo, origine nazionale o sociale, situazione economica, nascita o in virt&ugrave; di qualsiasi altra condizione.</p> <p>&nbsp;</p> <p>Noi Maristi ci impegniamo a promuovere e difendere, in particolare, i diritti enunciati nella <a href="http://www.ohchr.org/EN/HRBodies/CRC/Pages/CRCIndex.aspx"><strong>Convenzione sui diritti dell&rsquo;infanzia</strong></a>, perch&eacute; tutti i bambini possano godere di un mondo migliore. Perseguiamo l&rsquo;uguaglianza tra tutti i bambini del mondo e li difendiamo da ogni tipo di violazione. Insegniamo loro quali siano i loro diritti affinch&eacute; li possano esercitare in libert&agrave;. Lavoriamo per eliminare ogni forma di discriminazione tra i bambini e cerchiamo di lasciare loro in eredit&agrave; un mondo un poco migliore di quello che hanno trovato.</p> <p>&nbsp;</p> <p><em>&ldquo;In occasione della Giornata mondiale dei diritti umani, torniamo ad impegnarci per garantire le libert&agrave; fondamentali e tutelare i diritti umani di tutti.&rdquo;</em> (<a href="https://www.un.org/sg/en">Ban Ki-moon, Segretario generale delle Nazioni Unite)</a></p>